Archivio della categoria: Trading

Cos’è la strategia Straddle o Gabbia nel trading a opzioni binarie?

Il mondo del trading è sempre in evoluzione, con la messa a punto di strategie di acquisto e vendita di asset sui mercati finanziari con l’obiettivo di fare profitti non senza rischi più o meno importanti. Tra le strategie più utilizzate sia dagli esperti che dai principianti vi è la cosiddetta Gabbia o Straddle e si impiega nel caso di opzioni binarie e nel forex trading. La strategia è quasi sempre vincente o, quanto meno, le perdite sono contenute se si opera con oculatezza e impiegando solo il 5% dell’intero capitale investito in operazioni di trading.

Come funziona la strategia Straddle o Gabbia

Lo scopo principale della strategia straddle o Gabbia è quello di ricercare una zona di prezzo entro la quale aprire e chiudere posizioni, cercando di trarre profitto con il minimo rischio che è sempre presente.

La strategia straddle o Gabbia, funzionano soprattutto con le opzioni  binarie, Call e Put, ma dall’alta volatilità e lo scopo è quello di “ingabbiare” il possibile esito in un tempo limitato. La strategia consiste nel:

  1. comprare una opzione put;
  2. contemporaneamente comprare una opzione call.

Entrambe le operazioni devono essere fatte nello stesso momento, con lo stesso prezzo di esercizio e avere la stessa scadenza. Affinché la strategia sia proficua, infine, si devono rispettare diverse condizioni:

  • La fluttuazione dei prezzi deve avvenire entro un periodo di breve termine;
  • le oscillazioni dei prezzi devono essere abbastanza rilevanti;
  • la volatilità è implicita nel mercato.

Se le oscillazioni dei prezzi non sono abbastanza grandi, il guadagno potrebbe non essere tale da coprire quello che è poi il premio pagato.

Esistono due tipologie di strategia straddle:

  1. straddle o Gabbia Lunga;
  2. straddle o Gabbia Breve.

La straddle lunga, si verifica con l’acquisto di un’opzione put e una call, che abbiano lo stesso esatto prezzo di esercizio e data di scadenza, approfittando dell’alta volatilità. Mentre la straddle breve richiede la vendita contemporaneamente di un’una opzione put e una call allo stesso prezzo di esercizio e alla stessa data di scadenza, approfittando della bassa volatilità.

Schematicamente significa che su un investimento di 100 € e un rimborso della perdita da parte del broker del 10%, in caso di perdita si recuperano 10 € e in caso di vincita se ne guadagnano 80.

Una volta emesso l’ordine di operazione call si dovrà attendere che l’opzione si trovi nella cosiddetta fase di “in the money”; a questo punto, si compra un’altra opzione binaria, questa volta però di tipo put, il quale abbia la stessa scadenza e la stessa percentuale di ritorno.

I possibili scenari sono tre:

  • Se la prima opzione binaria ovvero quella in The money, chiude con un segno positivo, vorrà dire che si guadagna l’80% del capitale inestinto, ovvero 80 € (su un investimento di 100 €);
  • Ne consegue che la seconda opzione, ovvero quella di tipo Put, chiude in negativo, quindi si perdono 90 € in quanto il rimborso è pari solo il 10%. (le condizioni variano a seconda del broker);

La somma delle vincite e delle perdite, riporta ad una perdita totale di 10 €.

  • Se invece il prezzo dell’opzione è compreso tra la prima e la seconda opzione binaria, vorrà dire che si sarà ottenuto un guadagno con entrambe le opzioni binarie. In questo caso il totale è pari a 160 €.

Quindi, se il prezzo alla scadenza dell’opzione è compreso tra il prezzo minimo ed il prezzo massimo delle 2 opzioni acquistate questo per forza di cose si trova in gabbia, pertanto si trae un profitto pari all’80% sia nella prima che nella seconda operazione, che su 100 € investiti si traduce nella somma dei guadagni delle due opzioni ovvero 80 € dell’opzione in The Money e  80 € dell’opzione Put, per un totale di 160 €, con un guadagno di 60 € sui 100 investiti di partenza.

Il meccanismo dell’effetto leva: opportunità e rischi

La leva finanziaria è quel meccanismo che permette ad un soggetto di acquistare o vendere attività finanziarie per un ammontare superiore al capitale posseduto, dunque di ottenere profitti molto più alti. Questo meccanismo è, come facilmente si può intuite, ambivalente: se da una parte permette di guadagnare cifre consistenti con un piccolo investimento, dall’altra le perdite possono di gran lunga superare la cifra iniziale. E’ importante prestare molta attenzione ad utilizzare questo genere di sistema nel trading online, sopratutto se ancora non si conoscono tutte le regole del mercato.

Un esempio di leva

Ipotizziamo di avere 100 € a disposizione e decidessimo di investirli online, su un titolo. L’affare sembra davvero buono e siamo sicurissimi delle nostre stime, dunque decidiamo di fare uno strappo alla regole e di farcene prestare altri 900, perché l’affare appare davvero promettente. La leva finanziaria in questo caso è di 10 a 1: se avevamo ragione,e il titolo sale del 40%, otterremo 1400 € a cui sottrarre i 900 da restituire con un guadagno di 400 € su un capitale iniziale di 100.

Le potenzialità dell’utilizzo della leva finanziaria sono intuitive, il rischio sta nel fatto che l’effetto moltiplicatore della leva finanziaria naturalmente si attiva anche in caso negativo; ritornando al nostro esempio, in tasca ci rimarrebbero soltanto 600 euro, non solo abbiamo perso i nostri cento, ma dovremmo restituirne altri 300.

I soggetti che più di tutti utilizzano questo tipo di leva sono le banche. Questo perché naturalmente le banche hanno un capitale molto più elevato. Inoltre la banca ha il potere si poter gestire il debito attraverso la cartolarizzazione, dunque ha sicuramente un margine di manovra estremamente più ampio rispetto ad un singolo investitore.

L’effetto leva nel mercato finanziario

Attraverso l’effetto leva, leverage in inglese, diventa possibile acquistare o vendere attività finanziarie per un ammontare superiore al capitale che si possiede e godere di un profitto aggiuntivo rispetto a quello che si otterrebbe grazie al mero investimento diretto. Il funzionamento della leva, come spiegato sopra, è intuitivo. La leva è molto alta sopratutto nel mercato del Forex. Ciò ci spingerebbe subito ad iniziare da lì. Attenzione però: se immaginiamo di agire con una leva altissima, 1 a 400 ad esempio, non rara in questo tipo di mercato, con un capitale di 100, muoverebbe 40.000 euro. Immaginate il profitto ma anche le perdite.

Quando agiamo nel mercato forex, ossia nel mercato di scambio delle valute, il principio della leva si muove di pari passo con quello di margine, ossia una somma che il broker trattiene come garanzia di un’eventuale cattiva riuscita dell’operazione. I rischi sono tantissimi, ma il meccanismo continua a durare, per quale motivo? Presto detto. Nel mercato forex le oscillazioni sono giornaliere, senza l’incentivo delle leve, difficilmente si attirerebbero così tanti investimenti.

L’indicatore Fx 5 MACD Divergence tra i più utilizzati come strategia

Quando si parla di opzioni binarie si fa riferimento alla possibilità per tutti, professionisti e  non, di entrare nel mondo della finanza per guadagnare su un capitale investito. Queste opzioni binarie rappresentano la ‘bibbia’ per tutti coloro che investono il loro denaro in maniera coscienziosa e responsabile. Chi fa ciò, inoltre, è a conoscenza della necessità di utilizzare le strategie opzioni binarie, affinché non venga messo a repentaglio il proprio capitale.

 

L’indicatore Fx 5 MACD
Come detto, le strategie delle opzioni binarie assumono un ruolo determinante nel guadagno sul capitale investito, e dunque cerchiamo di conoscerne almeno uno, cosi da capirne il funzionamento. Un indicatore da molti considerato come tra i più proficui è l’indicatore Fx 5 MACD Divergence. Il MACD è uno degli indicatori oscillatori più utilizzati ed è usato in particolare per le opzioni binarie turbo a 60 secondi. Nei test cui è stato sottoposto, questo indicatore ha provocato dei profitti pari al 70-80%, dando quindi dei segnali vincenti pari a 7-8 su 10. In pratica, consiste in una metodologia di segnalazione, tramite finestra pop-up e allarme sonoro, che servirà al trader per far capire il momento giusto in cui guardare il grafico e replicare l’operazione con l’opzione binaria a scadenza 60 secondi. Per svolgere questa azione, però, è necessario aver a che fare con un broker, come ad esempio 24option, capace di adattarsi alla perfezione alla Metatrader. Ma come ci si comporta? Basta prendere un broker e metterlo fisicamente di fianco alla Metatrader. Dopo di che bisogna utilizzare i pulsanti ‘alto’ e ‘basso’ presenti nel broker e stabilire la quantità di denaro da investire. Nello specifico, la finestra di pop-up mostrerà quattro situazioni differenti: Reverse Bearish Divergence; Reverse Bullish Divergence; Classic Bearish Divergence; Classic Bullish Divergence. Risalta subito all’occhio come i termini che devono essere presi in considerazione sono due, e cioè Bearish, che significa ribasso e fa riferimento all’opzione ‘basso’, e Bullish, che sta a significare rialzo,  in rapporto con l’opzione ‘alto’. Nel caso in cui appare anche il termine Reverse, allora si sta verificando un’inversione, e quindi si devono seguire attentamente le istruzioni conferite dalla freccia. In tutto ciò, il trucco per vincere sta nella velocità di applicazione del segnale. Trattandosi di opzioni binarie a 60 secondi, infatti, ogni secondo è prezioso e dunque più veloci si è a replicare l’opzione binaria e più è alta la possibilità di successo.

Opzioni Binarie : come guadagnare

Grazie alla continua crescita di internet e all’utilizzo di vari strumenti online da parte di un numero sempre maggiore di persone, anche il settore del trading online è stato interessato da una crescita molto importante. Tra i prodotti finanziari di cui si sente un gran parlare, troviamo le opzioni binarie, uno dei prodotti, nello specifico un prodotto finanziario derivato, che consente di guadagnare sino al 80% del capitale investito.

 

7 Trader su 10 utilizzano quotidianamente le opzioni binarie, si tratta di professionisti in grado di seguire e consigliare anche chi, per la prima volta vuole avvicinarsi agli investimenti. Online si possono trovare centinaia di guide sulle opzioni binarie, spesso purtroppo si tratta di siti incompleti o realizzati solo per vendere servizi. Il sito Leopzionibinarie.it offre una guida completa, la guida alle opzioni binarie più letta dagli italiani, una serie di consigli pratici, un video tutorial che spiega passo passo e nei dettagli cosa solo le opzioni binarie e come avvicinarsi al settore. E’ importante comprendere, infatti, che si tratta sempre di investimenti finanziari, trattandosi quindi di risorse economiche, si deve maturare la dovuta conoscenza del settore prima di lanciarsi in operazioni azzardate. Con la pratica guida e con l’assistenza di esperti online, anche via Skype, offerta dal sito Leopzionibinarie.it si potrà prendere confidenza con le piattaforme di trading, capire come leggere l’andamento di un grafico, iniziare a comprendere cosa significa investire in opzioni binarie sulle coppie di valute, conoscere i termini tecnici e tanto altro.