Imu restituita alle famiglie in difficoltà

Ormai sembra fanta-politica eppure le notizie che trapelano dal governo sembrano essere confermate. L’oggetto della discussione è ancora una volta l’Imu, anche dopo il voto politico. La provocazione nasce dal sottosegretario all’Economia Gianfranco Polillo che sostiene che l’extra-gettito derivante dall’Imu potrebbe essere restituito ai cittadini a sostegno dell’economia “domestica” delle famiglie italiane.
Ecco testualmente le parole di Polillo: ”confermo: i 4 miliardi in più pagati dagli italiani potrebbero tecnicamente essere restituiti perché non esiste che lo Stato incameri il gettito aggiuntivo di un’imposta senza dare spiegazioni al Paese”. L’uscente governo Monti, infatti, si attendeva un’entrata alle casse dell’Erario di circa 20 miliardi di euro che invece si sono rivelati essere ben 24. Cosa fare di questi 4 miliardi in più?
Bè, l’occasione è ghiotta nel senso che un eventuale nuovo governo potrebbe restituire un po’ di soldi agli italiani senza manomettere i conti del Paese. Insomma, un’operazione diciamo “simpatia” che potrebbe aiutare il governo nascente ad essere ben visto dagli italiani. Questa operazione potrebbe essere infatti sostenuta da tutti i partiti che, in campagna elettorale, hanno cavalcato l’onda della riduzione dell’Imu seppur con modalità diverse, e quindi: Pd, Pdl, Movimento 5 Stelle e lista Monti.
Andranno fatte però delle opportune distinzioni. Infatti, diversi Comuni italiani si stanno muovendo nello stabilire dei piani di restituzione dell’Imu. Questo progetto però potrebbe riguardare soltanto le famiglie in difficoltà economica e quindi, in seguito alle verifiche del Comune di pertinenza, a chi sarà ritenuto meritevole di aiuto.
Riteniamo, tuttavia, che pur apprezzando l’operazione vada definitivamente chiarito il meccanismo della tassazione Imu in modo che gli italiani siano per tempo ben informati delle imposte dovute.
Per approfondimenti www.finanzamilano.it

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*